Backwaters, Kerala
Guide di viaggio

Cosa vedere nel Kerala e nel Sud indiano

Guide di viaggio

Molto più di una semplice destinazione, il Sud indiano rappresenta un viaggio in una dimensione parallela, sospesa tra il tempo e la storia: lontana dal colorato caos delle grandi metropoli del paese, questa regione offre un insieme unico di cultura, bellezze naturali e spiritualità che si fondono in un equilibrio perfetto. La tappa obbligatoria è rappresentata dal Kerala, uno stato grande circa due volte la Puglia, una striscia di terra che, dalle propaggini dei Ghati Occidentali, si tuffa nelle stupende acque dell’Oceano Indiano, tra foreste di palme e spiagge di sabbia finissima.

Per chi desidera unire natura e spiritualità, il Kerala nel Sud indiano è sicuramente la meta ideale. Ecco quindi alcuni consigli per prepararti a vivere la magia di una terra davvero unica.

Kerala: ecco cosa vedere

Con le sue coste incantevoli, le serene acque dei suoi laghi, le lussureggianti piantagioni di tè e la ricchezza di una cultura affascinante, il Kerala – conosciuto come la Terra degli Dei – offre ai suoi ospiti un’esperienza che si rivela lentamente in un caleidoscopio di suggestioni ed emozioni profonde, ma occhio: questa terra è capace di mettere alla prova tanto chi la visita per la prima volta quanto i viaggiatori più esperti ed è pertanto importante approcciarsi con la giusta cautela, informarsi sui documenti necessari, sulle condizioni climatiche e scegliere con attenzione cosa mettere in valigia prima di partire per l’India, onde evitare di incappare in piccoli e fastidiosi contrattempi. Ecco dunque alcuni dei luoghi che dovete assolutamente vedere nel Kerala e nel Sud indiano.

Cochin e Mattancherry

Conosciuta fin dai tempi più remoti come la “regina del mare arabico”, Cochin è oggi la porta d’accesso per chi vuole visitare il Kerala e l’India del Sud. Dal suo fiorente porto, uno dei più grandi del paese, le spezie coltivate sulle aree collinari dello stato partivano per raggiungere le corti e i regni di tutto il mondo conosciuto. La dominazione portoghese, iniziata nel XVI secolo, ha lasciato in città importanti testimonianze: risalgono al periodo coloniale alcuni dei palazzi in stile europeo che si possono osservare passeggiando per le vie del centro storico, il celebre Mattancherry, come il Palazzo Olandese e la Sinagoga Paradesi, una delle più antiche del paese.

Basilica di Santa Cruz, Cochin

Parco Nazionale del Periyar

Tra le cose da vedere nel Kerala non può mancare una visita al Parco Nazionale del Periyar, un vero e proprio paradiso per gli amanti della natura. Situato sulla catena montuosa dei Ghati Occidentali, a sud est di Cochin in un’area di quasi 800 chilometri quadrati, è famoso per il suo ecosistema ricco e vario: la riserva ospita, tra gli altri, circa 50 esemplari di tigre del Bengala, elefanti e un’infinità di mammiferi, rettili e farfalle. Numerose sono le tipologie di tour che è possibile effettuare, dal safari sui fuoristrada alle escursioni in barca, grazie alla presenza di un grande lago di origine artificiale, punto ideale dal quale provare ad avvistare le specie che popolano questo angolo di paradiso come branchi di gaur, sambar e cinghiali. La zona è inoltre conosciuta per le stupende piantagioni di spezie, pepe nero e cannella, soprattutto, ma anche cardamomo, chiodi di garofano, vaniglia, caffè e altro: una visita consente di vivere da vicino un’esperienza sensoriale irripetibile.

Parco Nazionale di Periyar

Kumarakom e la riserva di uccelli

Un viaggio nell’India del Sud è un’occasione preziosa per recarsi a Kumarakom, una delle mete turistiche più ambite della regione. La zona si affaccia sulle rive del Lago Vembanad, il più grande del Kerala e parte di un più ampio complesso di specchi d’acqua collegati tra loro da suggestivi canali che costituiscono le famose Backwaters. La zona si configura come un ecosistema ricco di vita e ospita il Kumarakom Bird Sanctuary, una vasta riserva di uccelli migratori, tra cui la cicogna siberiana, l’egretta, il darter, l’airone e tanti altri: un paradiso per chi ama il birdwatching.

Villaggio di Kumarakom

Alleppey e le Backwaters

Tra le località più suggestive che si affacciano sulle Backwaters c’è Alleppey. Raggiungerla navigando sui canali a bordo delle tipiche case galleggianti è un’esperienza che lascia senza fiato: il lento scorrere della vita sulle rive e la ricchezza di una natura lussureggiante rappresentano un’esperienza emozionante e indimenticabile. Famosa per le sue risaie e per la fitta rete di canali la città, conosciuta anche non il nome di Alappuzha, rappresenta il vero centro del turismo della regione e una tappa fondamentale per chi vuole visitare il Sud indiano e il Kerala.

Barca ancorata nelle Backwaters

Spiaggia del Kerala: Marari Beach

Alleppey non è solo un luogo d’incanto, ma anche il punto di partenza ideale per scoprire alcune delle spiagge più belle del Kerala: tra queste è impossibile non citare Marari, una lunga striscia di sabbia pulitissima su cui si infrangono le onde dell’oceano. La zona rappresenta una commistione unica tra natura, tradizione, scienza e spiritualità: qui infatti trovano rifugio un centinaio di specie di farfalle, decine di tipi di uccelli e centinaia di piante endemiche e qui, in un lontano passato, è nata la medicina ayurveda. Un soggiorno in questa costa offre la possibilità di dedicarsi al benessere personale, tra sedute di massaggi e trattamenti ayurvedici.

Spiaggia di Mararikulam
Viaggi che potrebbero interessarti