Sei interessato alla destinazione?

Indietro

La Toscana, la moda e l'arte del bello

Toscana: terra di scultori e poeti, culla del Rinascimento e custode di un cultura enogastronomica nota in tutto il mondo.
È lì che vi portiamo per questa nuova tappa de L’Italia Racconta, anche se oggi non vi parleremo di nessuno di questi incredibili primati. Vi guideremo invece in un viaggio verso un’altro tipo di eccellenza, forse meno sdoganata, ma assolutamente da approfondire: lo strettissimo legame della Toscana e nello specifico di Firenze, con l’arte del bello e con la moda made in Italy.

Italia / Toscana / Mod 1

La parola è: Avanguardia


Cominciamo da un simbolo di Firenze, Palazzo Pitti: gigantesca mole a bugnato rustico distesa sulle pendici della collina di Boboli, fu costruito dalla famiglia Pitti nel 1457 su disegno di Filippo Brunelleschi. Ma è il 1952 quando nella Sala Bianca, per la prima volta, la moda italiana sfila davanti ad una platea riservata solo a buyer e giornalisti stranieri, trasformando Firenze in una delle capitali dello stile.
Sempre a Firenze, appena un anno prima, il marchese Giovanni Battista Giorgini aveva presentato a casa sua, Villa Torrigiani, le creazioni delle sorelle Fontana, di Jole Veneziani, di Fabiani, Pucci, Noberasco, Carosa e Schuberth, dando vita così alla prima sfilata d’Alta Moda Italiana.

Italia / Toscana / Mod 2

La parola è: Intramontabile


Spostiamoci ora a Palazzo Spini Feroni, una costruzione medievale risalente al 1289, patrimonio architettonico italiano. Oggi è sede del Museo Salvatore Ferragamo dedicato al grande stilista (che lo ha anche fondato), alle sue creazioni e alla storia dell’azienda. La collezione di calzature documenta l’intero arco di attività di Salvatore Ferragamo: un viaggio attraverso il genio creativo di uno stilista che ha saputo attingere dall’arte e dalla cultura del bello per dare vita a modelli richiesti in tutto il mondo.

Italia / Toscana / Mod 3

La parola è: Creatività


Se le contaminazioni tra arte e moda vi piacciono seguiteci a Scandicci, poco lontano da Firenze dove sorge un’insolita fabbrica dello stile: è Gucci Art Lab un laboratorio aperto al pubblico che sostiene l’incontro tra artigianalità e creatività in una vera e propria fucina del bello. Lontano anni luce dalla classica idea di fabbrica, qui le pareti sono dipinte a mano con opere di artisti che hanno lavorato con la Maison: le illustrazioni di Unskilled Worker e Jayde Fish così come quelle di Ignasi Monreal, Phannapast, Angelica Hicks, Trouble Andrew e Coco Capitán decorano l’esterno degli edifici.

© photo by Gucci website

Italia / Toscana / Mod 4

La parola è: Passione


E se dopo queste notevoli ispirazioni vi viene voglia di toccare con mano o addirittura indossare un capo di alta moda, non perdetevi Luisa Via Roma. Boutique storica di Firenze nata negli anni ’30 da un’idea di Luisa Jaquin e specializzata in cappelli da donna, oggi è un marchio all’avanguardia che propone brand di altissima gamma e lancia giovani talenti nell’Olimpo dello stile. Uno sguardo lungimirante che ha saputo preservare e innovare.

© photo by Luisa Via Roma website

Italia / Toscana / Mod 5

La parola è: Bellezza


È il momento di immergerci profondamente nell’arte e nella ricerca del bello, alla scoperta delle origini dello stile fiorentino. Il passato così prolifico della città ha di certo un ruolo negli odierni slanci verso la moda e la creatività. Scopritelo con i vostri occhi alla Galleria dell’Accademia, un museo di grande importanza che deve la sua fama al David di Michelangelo. Da un blocco di marmo di Carrara alto 5 metri può nascere davvero tanta perfezione? La risposta è sì e voi non potrete che essere d’accordo. È il passato che scolpisce il presente.

Italia / Toscana / Mod 6

La parola è: Ispirazione


Infine per respirare a pieni polmoni l’atmosfera delle sfilate e dell’alta moda, non perdetevi Pitti Immagine Uomo: la manifestazione di riferimento a livello internazionale per le collezioni di abbigliamento e per il lancio dei nuovi progetti sulla moda maschile. Si svolge due volte all’anno alla Fortezza da Basso e può essere considerata il radar delle tendenze globali a livello di mercato e lifestyle.

E se tra un museo e una sfilata sentite il bisogno di un angolo di pace trovatelo ai Giardini di Boboli, parco monumentale che abbraccia Palazzo Pitti e che a sua volta è un vero e proprio museo a cielo aperto. Fatevene una ragione, a Firenze l’arte e il bello sono ovunque.

Title
Subtitle