Kashmir e Ladakh, sulle tracce del Buddha

10 notti per 1 persona

Prezzo a partire da € 3.290 Scopri tutte le date

Kashmir e Ladakh, sulle tracce del Buddha

11 giorni per scoprire due perle dell’Himalaya, tra splendidi paesaggi e monasteri, visitando luoghi imperdibili come Delhi, Srinagar, Kargil, Lamayuru, Nurla, Basgo e Leh.

Tipologia
Viaggio
guidato
Prezzi da
3.290 €
per persona
Durata
11 giorni
10 notti
Prima partenza
11 Ago
altre partenze
Optional
Arrivare prima
Allunga un po
Stupa di Shanti, Leh

Tra le vette dell’Himalaya, dove tutto è spiritualità.

Buddista nel monastero di Thiksey
Leh
Vacanza di 11 giorni e 10 notti
A partire da 3.290 €
A persona
Scopri tutte le date

Avventura indiana. Lontano dai percorsi più battuti dell’India, tra le terre incontaminate dell’Himalaya, si trovano due veri e propri gioielli nascosti: il Kashmir e il Ladakh. In queste regioni poco esplorate, la bellezza selvaggia dell'ambiente si fonde con l'antica spiritualità dei monasteri buddhisti, creando un'esperienza unica. La magia di queste terre risiede nelle loro sfumature, tra valli rigogliose e panorami rocciosi, invitando i viaggiatori a percorrere sentieri che rivelano segreti millenari e paesaggi mozzafiato.

Monasteri millenari. Attraverso le acque tranquille di Srinagar e le strade di Kargil, il viaggio si snoda verso l'incanto di Lamayuru e Nurla, dove monasteri secolari si stagliano come custodi di antiche saggezze. A Basgo, la storia e la spiritualità danzano insieme tra le pietre millenarie, mentre Leh, con la sua atmosfera vibrante, rappresenta la porta d'accesso a mondi ancora più remoti.

Spiritualità eterna. Questo itinerario non è solo un viaggio geografico ma un’immersione nell'anima del buddhismo. Ogni passo è un incontro con la storia, ogni paesaggio è un racconto dimenticato. Ci immergeremo in un'avventura che risveglierà non solo i sensi, ma anche lo spirito, portandoci sulle tracce del Buddha in terre dove il tempo sembra danzare al ritmo dell'eternità. Benvenuti alla scoperta del Kashmir e del Ladakh, dove ogni respiro è un poema e ogni istante è un viaggio spirituale.

Avventura indiana. Lontano dai percorsi più battuti dell’India, tra le terre incontaminate dell’Himalaya, si trovano due veri e propri gioielli nascosti: il Kashmir e il Ladakh. In queste regioni poco esplorate, la bellezza selvaggia dell'ambiente si fonde con l'antica spiritualità dei monasteri buddhisti, creando un'esperienza unica. La magia di queste terre risiede nelle loro sfumature, tra valli rigogliose e panorami rocciosi, invitando i viaggiatori a percorrere sentieri che rivelano segreti millenari e paesaggi mozzafiato.

Monasteri millenari. Attraverso le acque tranquille di Srinagar e le strade di Kargil, il viaggio si snoda verso l'incanto di Lamayuru e Nurla, dove monasteri secolari si stagliano come custodi di antiche saggezze. A Basgo, la storia e la spiritualità danzano insieme tra le pietre millenarie, mentre Leh, con la sua atmosfera vibrante, rappresenta la porta d'accesso a mondi ancora più remoti.

Monasteri millenari. Attraverso le acque tranquille di Srinagar e le strade di Kargil, il viaggio si snoda verso l'incanto di Lamayuru e Nurla, dove monasteri secolari si stagliano come custodi di antiche saggezze. A Basgo, la storia e la spiritualità danzano insieme tra le pietre millenarie, mentre Leh, con la sua atmosfera vibrante, rappresenta la porta d'accesso a mondi ancora più remoti.

Spiritualità eterna. Questo itinerario non è solo un viaggio geografico ma un’immersione nell'anima del buddhismo. Ogni passo è un incontro con la storia, ogni paesaggio è un racconto dimenticato. Ci immergeremo in un'avventura che risveglierà non solo i sensi, ma anche lo spirito, portandoci sulle tracce del Buddha in terre dove il tempo sembra danzare al ritmo dell'eternità. Benvenuti alla scoperta del Kashmir e del Ladakh, dove ogni respiro è un poema e ogni istante è un viaggio spirituale.

Le prime partenze disponibili
Vedi tutte le partenze
Trasferimenti e soggiorno
Trasferimenti e soggiorno

Questo tour prevede la partenza in aereo. Potrai partire dall’aeroporto che preferisci, in base anche alla disponibilità dei voli, e incontrerai il resto del gruppo e l’accompagnatore direttamente a destinazione. Questo tour può essere confermato con un minimo di 2 partecipanti.

Puoi rendere ancora più personale la tua esperienza di viaggio aggiungendo un’estensione di alcuni giorni all’inizio o alla fine del tour. Prevediamo sempre poi alcune escursioni facoltative per un’esperienza ancora più flessibile.

All’inizio del viaggio la guida raccoglierà il forfait obbligatorio che ammonta a circa €100 per persona. Tale importo include le mance per chi presta servizio durante il tour e le tasse di soggiorno.

I servizi inclusi in questo viaggio
I servizi inclusi in questo viaggio
  • Assistente per le partenze dagli aeroporti di Milano Malpensa e Roma Fiumicino
  • Volo a/r e voli domestici Delhi/Srinagar e Leh/Delhi, con bagaglio incluso
  • Tasse aeroportuali
  • Trasferimenti aeroporto / hotel e viceversa
  • Viaggio in minivan / bus GT a uso esclusivo dei clienti Boscolo
  • Guida-accompagnatore locale in lingua italiana
  • Accompagnatore dall’Italia per gruppi costituiti da un minimo di 20 persone
  • 10 pernottamenti e prime colazioni
  • 9 pranzi in ristoranti e 9 cene
  • Tutti gli ingressi previsti da programma
  • L’esclusivo Kit viaggio Boscolo
  • Assicurazione medica, bagaglio e rischi pandemici
  • Linea di assistenza telefonica “No Problem”, a disposizione 24 ore su 24, 7 giorni su 7
Il dettaglio del nostro programma di viaggio. Giorno per giorno.

Le destinazioni, le visite, le attività, le escursioni, e tutto quello che succede, tappa dopo tappa, partendo da Delhi e attraversando un territorio incantevole.

autobus
Mappa
M

Maestose montagne e mistici monasteri

Un itinerario alla scoperta di due regioni impervie e poco conosciute dell’India: il Kashmir e il Ladakh. Due terre remote incorniciate dalle imponenti vette dell’Himalaya, caratterizzate da una natura rigogliosa e da antichi monasteri buddhisti incastonati tra splendide vallate e paesaggi rocciosi.

Un itinerario alla scoperta di due regioni impervie e poco conosciute dell’India: il Kashmir e il Ladakh. Due terre remote incorniciate dalle imponenti vette dell’Himalaya, caratterizzate da una natura rigogliosa e da antichi monasteri buddhisti incastonati tra splendide vallate e paesaggi rocciosi.

giorno
1
Partenza - Delhi

Il nostro viaggio in India ha inizio. La nostra destinazione è Delhi, la megalopoli più popolosa dell'India, città unica al mondo che esemplifica in pieno tutta la ricchezza e i contrasti di questa incredibile nazione. Atterriamo in serata o in nottata, e all’arrivo in aeroporto incontriamo l’assistente che ci accompagna al nostro hotel.

Il nostro viaggio in India ha inizio. La nostra destinazione è Delhi, la megalopoli più popolosa dell'India, città unica al mondo che esemplifica in pieno tutta la ricchezza e i contrasti di questa incredibile nazione. Atterriamo in serata o in nottata, e all’arrivo in aeroporto incontriamo l’assistente che ci accompagna al nostro hotel.

Le Meridien New Delhi
Hotel previsto (o similare) per i giorni 1, 2, 10|
giorno
2
Delhi

Iniziamo la giornata con un giro in minivan per i grandi viali della nuova città, su cui si affacciano il Parlamento e il celebre India Gate. Visitiamo il grande tempio sikh di Gurudwara Bangla Sahib per un primo approccio al misticismo indiano e ci immergiamo quindi nel caos di Chandni Chowk, il cuore nevralgico della città vecchia. Visitiamo la grande Moschea del Venerdì (Jama Masjid), prima del pranzo al ristorante. In seguito visitiamo il Forte Rosso, costruito alla fine del 1600 per volere dell’Imperatore Shah Jahan. Infine raggiungiamo il Gandhi Smriti, luogo in cui Gandhi visse i suoi ultimi giorni di vita, e il Raj Ghat, suo luogo di cremazione. La sera ceniamo in hotel.

Iniziamo la giornata con un giro in minivan per i grandi viali della nuova città, su cui si affacciano il Parlamento e il celebre India Gate. Visitiamo il grande tempio sikh di Gurudwara Bangla Sahib per un primo approccio al misticismo indiano e ci immergiamo quindi nel caos di Chandni Chowk, il cuore nevralgico della città vecchia. Visitiamo la grande Moschea del Venerdì (Jama Masjid), prima del pranzo al ristorante. In seguito visitiamo il Forte Rosso, costruito alla fine del 1600 per volere dell’Imperatore Shah Jahan. Infine raggiungiamo il Gandhi Smriti, luogo in cui Gandhi visse i suoi ultimi giorni di vita, e il Raj Ghat, suo luogo di cremazione. La sera ceniamo in hotel.

Le Meridien New Delhi
Hotel previsto (o similare) per i giorni 1, 2, 10|
giorno
3
Delhi - Srinagar

Facciamo colazione molto presto al mattino e partiamo in volo verso il Kashmir. Arriviamo a Srinagar, la capitale estiva dello stato del Kashmir, situata a oltre 1600 metri: la “Città dei laghi” ha il suo centro sul lago Dal. Ci sistemiamo nella houseboat dove alloggiamo e pranziamo. Nel pomeriggio visitiamo i Giardini Mughal per i quali la città è famosa: il Giardino Nishat, il più grande, che attraverso 11 terrazze scende fino al lago Dal, e il Giardino Shalimar, un susseguirsi di laghetti su terrazze, collegati da fontane e vialetti. Al tramonto facciamo una suggestiva escursione in shikara, la “gondola” del Kashmir, sul lago Dal. Ceniamo al ristorante e pernottiamo nella houseboat.

Facciamo colazione molto presto al mattino e partiamo in volo verso il Kashmir. Arriviamo a Srinagar, la capitale estiva dello stato del Kashmir, situata a oltre 1600 metri: la “Città dei laghi” ha il suo centro sul lago Dal. Ci sistemiamo nella houseboat dove alloggiamo e pranziamo. Nel pomeriggio visitiamo i Giardini Mughal per i quali la città è famosa: il Giardino Nishat, il più grande, che attraverso 11 terrazze scende fino al lago Dal, e il Giardino Shalimar, un susseguirsi di laghetti su terrazze, collegati da fontane e vialetti. Al tramonto facciamo una suggestiva escursione in shikara, la “gondola” del Kashmir, sul lago Dal. Ceniamo al ristorante e pernottiamo nella houseboat.

Four Points by Sheraton Srinagar
Hotel previsto (o similare) per i giorni 3, 4|
giorno
4
Srinagar

Partiamo per Gulmarg, situata a 2600 metri di altitudine, in una vallata di incredibile bellezza, dichiarata Riserva della Biosfera, che d’estate diventa un variopinto prato fiorito dove trovano rifugio i cervi muschiati dell’Himalaya, la volpe rossa e l’orso nero. Prendiamo poi la Gondola Cable Car, una cabinovia che ci porta fino a 3747 metri d’altezza, sull’Aparwath Peak, da dove si può ammirare uno splendido panorama sull’Himalaya che nelle giornate limpide arriva fino all’imponente Nanga Parbat. Dopo il pranzo al ristorante abbiamo del tempo a disposizione per godere della natura di Gulmarg, prima di rientrare a Srinagar per la cena al ristorante e il pernottamento nella houseboat.

Partiamo per Gulmarg, situata a 2600 metri di altitudine, in una vallata di incredibile bellezza, dichiarata Riserva della Biosfera, che d’estate diventa un variopinto prato fiorito dove trovano rifugio i cervi muschiati dell’Himalaya, la volpe rossa e l’orso nero. Prendiamo poi la Gondola Cable Car, una cabinovia che ci porta fino a 3747 metri d’altezza, sull’Aparwath Peak, da dove si può ammirare uno splendido panorama sull’Himalaya che nelle giornate limpide arriva fino all’imponente Nanga Parbat. Dopo il pranzo al ristorante abbiamo del tempo a disposizione per godere della natura di Gulmarg, prima di rientrare a Srinagar per la cena al ristorante e il pernottamento nella houseboat.

Four Points by Sheraton Srinagar
Hotel previsto (o similare) per i giorni 3, 4|
giorno
5
Srinagar - Kargil

Dopo la colazione partiamo in direzione di Kargil, seconda città del Ladakh, adagiata sulle sponde del fiume Suru. Lungo la strada sostiamo a Sonmarg, situata a 2730 metri di altitudine e chiamata “il prato d’oro” per i suoi colori puri: le bianche vette himalayane si stagliano contro il blu del cielo, il verde dei prati e l’argenteo corso del fiume Sindh, che abbonda di trote. Qui abbiamo del tempo per fare delle foto e bere una tazza di tè. Arriviamo a Kargil nel primo pomeriggio e ci sistemiamo in hotel prima del pranzo. Il resto del pomeriggio è libero e la cena è prevista in hotel.

Dopo la colazione partiamo in direzione di Kargil, seconda città del Ladakh, adagiata sulle sponde del fiume Suru. Lungo la strada sostiamo a Sonmarg, situata a 2730 metri di altitudine e chiamata “il prato d’oro” per i suoi colori puri: le bianche vette himalayane si stagliano contro il blu del cielo, il verde dei prati e l’argenteo corso del fiume Sindh, che abbonda di trote. Qui abbiamo del tempo per fare delle foto e bere una tazza di tè. Arriviamo a Kargil nel primo pomeriggio e ci sistemiamo in hotel prima del pranzo. Il resto del pomeriggio è libero e la cena è prevista in hotel.

Hotel The Kargil
Hotel previsto (o similare) per il giorno 5|
giorno
6
Kargil - Nurla

Partiamo in direzione di Nurla e lungo la strada sostiamo per la visita del Monastero di Mulbekh, che ospita un’enorme statua del Buddha dell’Avvenire. Proseguiamo il viaggio attraversando il passo di Fatu-La, a 4180 metri di altitudine, e scendiamo poi nella vallata fino al Monastero di Lamayuru, splendido complesso monastico dei Buddhisti Tibetani. La leggenda narra che nel luogo dove sorge il monastero c’era un enorme lago che il monaco Arahat prosciugò e al cui posto cominciò a crescere il grano. Arriviamo in hotel nel primo pomeriggio e, dopo il pranzo, abbiamo del tempo libero a disposizione a Nurla, villaggio lungo le sponde del fiume Indo. Ceniamo in hotel.

Partiamo in direzione di Nurla e lungo la strada sostiamo per la visita del Monastero di Mulbekh, che ospita un’enorme statua del Buddha dell’Avvenire. Proseguiamo il viaggio attraversando il passo di Fatu-La, a 4180 metri di altitudine, e scendiamo poi nella vallata fino al Monastero di Lamayuru, splendido complesso monastico dei Buddhisti Tibetani. La leggenda narra che nel luogo dove sorge il monastero c’era un enorme lago che il monaco Arahat prosciugò e al cui posto cominciò a crescere il grano. Arriviamo in hotel nel primo pomeriggio e, dopo il pranzo, abbiamo del tempo libero a disposizione a Nurla, villaggio lungo le sponde del fiume Indo. Ceniamo in hotel.

The Apricot Tree Hotel
Hotel previsto (o similare) per il giorno 6|
giorno
7
Nurla - Leh

Partiamo in direzione di Leh, capitale del Ladakh, soprannominato il “piccolo Tibet”. Durante il viaggio ci fermiamo per visitare due monasteri, Likir e Basgo. Likir Gomba è un importante e influente monastero buddhista, il cui abate è un cugino del Dalai Lama e al cui esterno spicca una statua del Buddha del Futuro alta 23 metri. Proseguiamo il viaggio fino al monastero di Basgo, costruito su uno sperone di arenaria che si staglia contro le imponenti vette himalayane e composto da tre templi. Arriviamo in hotel nel primo pomeriggio e, dopo il pranzo, abbiamo del tempo a disposizione a Leh, situata ad oltre 3500 metri, in una valle del fiume Indo. Ceniamo in hotel.

Partiamo in direzione di Leh, capitale del Ladakh, soprannominato il “piccolo Tibet”. Durante il viaggio ci fermiamo per visitare due monasteri, Likir e Basgo. Likir Gomba è un importante e influente monastero buddhista, il cui abate è un cugino del Dalai Lama e al cui esterno spicca una statua del Buddha del Futuro alta 23 metri. Proseguiamo il viaggio fino al monastero di Basgo, costruito su uno sperone di arenaria che si staglia contro le imponenti vette himalayane e composto da tre templi. Arriviamo in hotel nel primo pomeriggio e, dopo il pranzo, abbiamo del tempo a disposizione a Leh, situata ad oltre 3500 metri, in una valle del fiume Indo. Ceniamo in hotel.

The Grand Dragon Ladakh
Hotel previsto (o similare) per i giorni 7, 8, 9|
giorno
8
Leh

Visitiamo Shey, che fu capitale del Ladakh e anche dopo lo spostamento a Leh i reali rimasero in questa città: intorno al palazzo reale si trovano moltissimi chorten commemorativi. In seguito visitiamo il monastero di Hemis, uno dei più importanti del Ladakh, anche per il festival di danza cham che si tiene ogni estate. Il monastero di Thiksey è uno dei più vasti della regione e i suoi edifici sono costruiti sui fianchi di un colle. Il complesso comprende diversi templi e stupa, interni riccamente decorati e due importanti statue di Buddha. Pranziamo a Thiksey e in seguito rientriamo a Leh, dove abbiamo il pomeriggio libero per riposare o per visitare la città in autonomia. Ceniamo in hotel.

Visitiamo Shey, che fu capitale del Ladakh e anche dopo lo spostamento a Leh i reali rimasero in questa città: intorno al palazzo reale si trovano moltissimi chorten commemorativi. In seguito visitiamo il monastero di Hemis, uno dei più importanti del Ladakh, anche per il festival di danza cham che si tiene ogni estate. Il monastero di Thiksey è uno dei più vasti della regione e i suoi edifici sono costruiti sui fianchi di un colle. Il complesso comprende diversi templi e stupa, interni riccamente decorati e due importanti statue di Buddha. Pranziamo a Thiksey e in seguito rientriamo a Leh, dove abbiamo il pomeriggio libero per riposare o per visitare la città in autonomia. Ceniamo in hotel.

The Grand Dragon Ladakh
Hotel previsto (o similare) per i giorni 7, 8, 9|
giorno
9
Leh

Visitiamo il monastero di Samker Gompa, situato in una valle a 3 km da Leh: il monastero è importante perché sede di Tson-Kha-Pa, il fondatore della scuola buddhista dei berretti gialli. Ci spostiamo poi all’elegante stupa di Shanti, posizionato su una collina che domina l’intera vallata e la città di Leh. In seguito visitiamo il Palazzo di Leh, l’antico palazzo reale, costruito sul modello del palazzo del Potala a Lahsa, in Tibet. L’imponente edificio è visibile da quasi tutta la città. Infine vediamo il Tempio di Leh e rientriamo poi in hotel passeggiando lungo il bazaar della città. Dopo il pranzo abbiamo il pomeriggio a disposizione per un po’ di shopping al bazaar. Ceniamo in hotel.

Visitiamo il monastero di Samker Gompa, situato in una valle a 3 km da Leh: il monastero è importante perché sede di Tson-Kha-Pa, il fondatore della scuola buddhista dei berretti gialli. Ci spostiamo poi all’elegante stupa di Shanti, posizionato su una collina che domina l’intera vallata e la città di Leh. In seguito visitiamo il Palazzo di Leh, l’antico palazzo reale, costruito sul modello del palazzo del Potala a Lahsa, in Tibet. L’imponente edificio è visibile da quasi tutta la città. Infine vediamo il Tempio di Leh e rientriamo poi in hotel passeggiando lungo il bazaar della città. Dopo il pranzo abbiamo il pomeriggio a disposizione per un po’ di shopping al bazaar. Ceniamo in hotel.

The Grand Dragon Ladakh
Hotel previsto (o similare) per i giorni 7, 8, 9|
giorno
10
Leh - Delhi

Raggiungiamo l’aeroporto e partiamo in volo per Delhi. Arrivati a Delhi ci sistemiamo nella camera che abbiamo a disposizione fino al momento di partire per il volo notturno. Pranziamo in hotel e nel pomeriggio visitiamo il Qutub Minar, o Torre della Vittoria, capolavoro dell’arte islamica in India che, con i suoi 72 metri, è il più alto minareto in mattoni del mondo. Proseguiamo con la visita del Lotus Temple, il tempio a forma di loto costruito nel 1986 dai seguaci della fede Baha’i: qui tutto parla di pace e di serenità, tutto è bianco e non c’è nessuna immagine, perché qui chiunque, di qualsiasi religione, può entrare, pregare e meditare. Rientriamo in hotel per la cena.

Raggiungiamo l’aeroporto e partiamo in volo per Delhi. Arrivati a Delhi ci sistemiamo nella camera che abbiamo a disposizione fino al momento di partire per il volo notturno. Pranziamo in hotel e nel pomeriggio visitiamo il Qutub Minar, o Torre della Vittoria, capolavoro dell’arte islamica in India che, con i suoi 72 metri, è il più alto minareto in mattoni del mondo. Proseguiamo con la visita del Lotus Temple, il tempio a forma di loto costruito nel 1986 dai seguaci della fede Baha’i: qui tutto parla di pace e di serenità, tutto è bianco e non c’è nessuna immagine, perché qui chiunque, di qualsiasi religione, può entrare, pregare e meditare. Rientriamo in hotel per la cena.

Le Meridien New Delhi
Hotel previsto (o similare) per i giorni 1, 2, 10|
giorno
11
Delhi - Rientro

Il nostro viaggio in India è arrivato alla sua conclusione e dobbiamo ora prepararci a salutare questa affascinante e indimenticabile nazione. Nella notte veniamo accompagnati all'aeroporto di Delhi per ripartire, in tempo utile per salire a bordo del volo di rientro che ci riporta in Italia.

Il nostro viaggio in India è arrivato alla sua conclusione e dobbiamo ora prepararci a salutare questa affascinante e indimenticabile nazione. Nella notte veniamo accompagnati all'aeroporto di Delhi per ripartire, in tempo utile per salire a bordo del volo di rientro che ci riporta in Italia.

Prossime partenze

Modifica il campo 'Inserisci la tua città di partenza' per visualizzare le date previste per la tua città.

Viaggi simili
9 Giorni da 3.690€ a persona

Le Tappe:

Kathmandu
,
Lumbini
,
Pokhara

12 Giorni da 2.790€ a persona

Le Tappe:

Delhi
,
Mandawa
,
Jaipur
,
Fatehpur Sikri
,
Agra
,
Kathmandu

8 Giorni da 3.390€ a persona

Le Tappe:

Chennai
,
Tanjore
,
Chettinad
,
Madurai
,
Periyar
,
Kumarakom
,
Cochin

Informazioni sulla destinazione

L’India è un paese di grandi dimensioni e pertanto il clima varia molto da regione a regione. Si riconoscono tre stagioni principali: l’inverno, l’estate e la stagione monsonica. Durante l’inverno (dicembre-marzo) in India non piove e le temperature sono comprese tra i 20 e i 30 gradi. I mesi estivi (aprile e maggio) sono caratterizzati da temperature particolarmente elevate che possono anche superare i 40° con un tasso di umidità molto alto. La stagione monsonica varia in funzione della regione. Nell’India settentrionale si svolge tra giugno e ottobre, nell’India meridionale le maggiori precipitazioni si registrano nei mesi di giugno e ottobre/novembre. Durante la stagione monsonica può piovere molto e per lunghi periodi e il rischio di inondazioni è molto alto. In aggiunta a questo è necessario sapere che la parte settentrionale del paese ha un clima semi arido soggetta a forti differenze di temperatura durante l’anno. Il Sud del paese gode di un clima tropicale umido con temperature più costanti che si aggirano tra i 30 e i 37 gradi.

Per l'ingresso in India è necessario il passaporto con almeno sei mesi di validità residua dalla data di entrata in India e due pagine bianche disponibili. All’arrivo i viaggiatori devono inoltre dimostrare di disporre di un biglietto di ritorno e risorse sufficienti a copertura del soggiorno. Il visto d'ingresso è obbligatorio e può essere richiesto online (e-Visa) sul sito India Visa online La procedura di richiesta è molto semplice e deve essere fatta almeno 4 giorni prima della partenza. Il visto si ottiene normalmente nelle 48/72 ore successive alla richiesta. Per procedere sarà necessario avere a disposizione i dati del passaporto (numero, data e luogo di rilascio, data di scadenza), i dati dei voli prenotati, la foto (in formato jpeg) della pagina del passaporto contenente tutti i dati e una foto recente, scattata su fondo bianco e senza occhiali o altri accessori che possano limitare la visibilità del volto. La foto deve essere in formato Jpeg, peso min. 10 Kb max 1 Mb, dimensioni minime 350 x 350 pixels. La richiesta del visto di ingresso può essere fatta in autonomia online ma bisogna fare molta attenzione ad alcuni passaggi:

  1. l'application online è in inglese ed è costituito da nove diverse pagine.
  2. Nel processo di richiesta dovrete specificare la tipologia di visto necessario: il visto turistico è denominato “eTourist Visa” e salvo diversa necessità vi consigliamo di richiedere il visto con validità di 30 giorni. E' sempre consigliabile richiedere un visto di tipologia “double entry”.
  3. L'ultima pagina dell'application contiene il modulo per il pagamento dell’e-visa. Le tasse per il rilascio del visto ammontano a circa 20 Euro
  4. Alla fine del processo sarà rilasciato un codice personale della pratica di richiesta visto. Questo codice può essere utilizzato (insieme alla data di nascita) per le successive verifiche. Vi consigliamo di conservarlo con cura.
  5. Nelle 48/72 ore successive alla richiesta l'e-visa sarà inviato all’indirizzo di posta elettronica indicato nel form. Controllate che i dati inseriti siano corretti. E' necessario stampare l'e-visa e consegnarlo sia al check in aeroporto sia al controllo passaporti in arrivo in India. IMPORTANTE: se solo uno di questi passaggi non avviene in modo corretto significa che la pratica di richiesta non è andata a buon fine e che il visto non è stato rilasciato. Questo comporterà il mancato imbarco in aeroporto o il negato ingresso alla frontiera. Per ulteriori informazioni e per i documenti dei cittadini di nazionalità diversa da quella italiana consultare il sito Viaggiare sicuri o il proprio consolato.

Quando in Italia è in vigore l'ora solare l'India è avanti di 4 ore 30 minuti avanti (con l'ora legale la differenza è di 3 ore e 30 minuti).

Nessuna vaccinazione è obbligatoria. Sono però presenti casi di alcune malattie pertanto si consiglia di chiedere informazioni al proprio medico su eventuali vaccinazioni consigliate e misure preventive. L’assistenza sanitaria è da considerarsi basilare. Si raccomanda vivamente di stipulare un’ assicurazione sanitaria prima della partenza. La polizza deve essere totale e illimitata e comprende anche l’eventuale rimpatrio del paziente. Si consiglia di munirsi di medicinali contro eventuali infezioni intestinali e colpi d’aria. Si raccomanda di portare con sé i repellenti contro le zanzare. Si consiglia di scegliere i cibi con attenzione: si è sicuri con cibi ben cotti e alimenti confezionati. Meglio evitare le verdure crude e la frutta che non si può sbucciare. Si consiglia di bere solo acqua e bevande in bottiglia, senza aggiunta di ghiaccio. Gli infusi sono da considerarsi sicuri solo se preparati con acqua bollita a lungo. Queste raccomandazioni valgono anche nei grandi alberghi.

La moneta locale è la rupia indiana. L’euro viene cambiato facilmente e il cambio può essere effettuato nelle banche e negli uffici di cambio. Si consiglia di avere sempre delle monete di piccolo taglio per le mance. Le carte di credito sono abbastanza accettate, specie negli alberghi e nei ristoranti. I bancomat si trovano solo nelle grandi città e e non tutti accettano carte straniere. Le rupie non sono esportabili. Al termine del viaggio è possibile convertire le banconote rimaste presentando il certificato dei cambi effettuati, oltre al passaporto e al biglietto aereo di ritorno. Prima di partire si consiglia di chiedere informazioni presso la propria banca per conoscere eventuali commissioni, PIN da digitare ed eventuali meccanismi antifrode.