Belgrado e Sarajevo

6 notti per 1 persona

Prezzo a partire da € 1.690 Scopri tutte le date

Belgrado e Sarajevo

7 giorni attraverso i tesori culturali di Serbia e Bosnia, visitando luoghi imperdibili come Belgrado, i monasteri della Vojvodina, Novi Sad, Srebrenica, Sarajevo e Mostar.

Tipologia
Viaggio
guidato
Prezzi da
1.690 €
per persona
Durata
7 giorni
6 notti
Prima partenza
4 Ago
altre partenze
Optional
Arrivare prima
Allunga un po
Sarajevo

Attraverso la Serbia e la Bosnia, due terre dai mille contrasti e dalle mille sorprese

Mostar Bosnia
Tempio di San Sava, Belgrado
Vacanza di 7 giorni e 6 notti
A partire da 1.690 €
A persona
Scopri tutte le date

Anima balcanica. Quello in Serbia e in Bosnia è un vero e proprio viaggio attraverso la Storia. Non solo per le ricchezze culturali e i cimeli dei tanti popoli che hanno attraversato queste terre nei secoli, e che ancora oggi cercano la strada per una difficile convivenza, ma anche per le ferite tuttora aperte del passato recente, di una tragica guerra che in tanti ricordiamo, superata ma non ancora dimenticata. Un viaggio in cui potremo scoprire anche il nuovo volto di questi paesi, sempre più moderni e aperti verso il resto del mondo, cominciando dalle loro due affascinanti capitali.

Rinnovamento e tradizioni. Belgrado, la vibrante capitale serba, apre le porte di questo viaggio con la sua vitalità unica, con la sua energia pulsante e la sua ricca storia in mostra tra cattedrali ortodosse e cimeli dell’ex-Jugoslavia. Un connubio unico tra passato, presente e futuro che potremo assaporare sulle rive del Danubio, prima di spostarci nella regione della Vojvodina, alla scoperta dei suoi monasteri bizantini e di una città sorprendente come Novi Sad.

Storie e memorie. Passato il confine con la Bosnia-Erzegovina, la Storia ci investirà con la sua potenza al Memoriale di Srebrenica, toccante omaggio ad una delle pagine più nere della guerra degli anni ’90, così come a Mostar, con il suo ponte ricostruito ed eletto a simbolo di pace, ed infine a Sarajevo, in cui i tanti eventi epocali che l’hanno vista protagonista non sono riusciti a scalfire la sua anima multiculturale, di vera e propria “Gerusalemme d’Europa” dove diverse religioni riescono a convivere. Un viaggio che tocca l’anima nel profondo, che emoziona e non lascia indifferenti.

Anima balcanica. Quello in Serbia e in Bosnia è un vero e proprio viaggio attraverso la Storia. Non solo per le ricchezze culturali e i cimeli dei tanti popoli che hanno attraversato queste terre nei secoli, e che ancora oggi cercano la strada per una difficile convivenza, ma anche per le ferite tuttora aperte del passato recente, di una tragica guerra che in tanti ricordiamo, superata ma non ancora dimenticata. Un viaggio in cui potremo scoprire anche il nuovo volto di questi paesi, sempre più moderni e aperti verso il resto del mondo, cominciando dalle loro due affascinanti capitali.

Rinnovamento e tradizioni. Belgrado, la vibrante capitale serba, apre le porte di questo viaggio con la sua vitalità unica, con la sua energia pulsante e la sua ricca storia in mostra tra cattedrali ortodosse e cimeli dell’ex-Jugoslavia. Un connubio unico tra passato, presente e futuro che potremo assaporare sulle rive del Danubio, prima di spostarci nella regione della Vojvodina, alla scoperta dei suoi monasteri bizantini e di una città sorprendente come Novi Sad.

Rinnovamento e tradizioni. Belgrado, la vibrante capitale serba, apre le porte di questo viaggio con la sua vitalità unica, con la sua energia pulsante e la sua ricca storia in mostra tra cattedrali ortodosse e cimeli dell’ex-Jugoslavia. Un connubio unico tra passato, presente e futuro che potremo assaporare sulle rive del Danubio, prima di spostarci nella regione della Vojvodina, alla scoperta dei suoi monasteri bizantini e di una città sorprendente come Novi Sad.

Storie e memorie. Passato il confine con la Bosnia-Erzegovina, la Storia ci investirà con la sua potenza al Memoriale di Srebrenica, toccante omaggio ad una delle pagine più nere della guerra degli anni ’90, così come a Mostar, con il suo ponte ricostruito ed eletto a simbolo di pace, ed infine a Sarajevo, in cui i tanti eventi epocali che l’hanno vista protagonista non sono riusciti a scalfire la sua anima multiculturale, di vera e propria “Gerusalemme d’Europa” dove diverse religioni riescono a convivere. Un viaggio che tocca l’anima nel profondo, che emoziona e non lascia indifferenti.

Le prime partenze disponibili
Vedi tutte le partenze
Trasferimenti e soggiorno
Trasferimenti e soggiorno

Questo tour prevede la partenza in aereo. Potrai partire dall’aeroporto che preferisci, in base anche alla disponibilità dei voli, e incontrerai il resto del gruppo e l’accompagnatore direttamente a destinazione.

Puoi rendere ancora più personale la tua esperienza di viaggio aggiungendo un’estensione di alcuni giorni all’inizio o alla fine del tour. Prevediamo sempre poi alcune escursioni facoltative per un’esperienza ancora più flessibile.

All’inizio del viaggio l’accompagnatore raccoglierà il forfait obbligatorio che ammonta a €80 per persona. Tale importo include gli ingressi ai musei e monumenti e le tasse di soggiorno.

I servizi inclusi in questo viaggio
I servizi inclusi in questo viaggio
  • Assistente in partenza negli aeroporti di Milano Malpensa e Roma Fiumicino
  • Volo A/R con franchigia bagagli inclusa
  • Tasse aeroportuali
  • Trasferimenti aeroporto / hotel e viceversa
  • Viaggio in bus GT a uso esclusivo dei clienti Boscolo
  • Accompagnatore per tutta la durata del viaggio
  • Visite guidate di Belgrado, Monasteri, Sarajevo e Mostar
  • 6 pernottamenti e prime colazioni
  • 6 cene (acqua inclusa)
  • Radioguide WIFI personali per tutto il viaggio
  • L’esclusivo Kit viaggio Boscolo
  • Assicurazione medica, bagaglio e rischi pandemici
  • Linea di assistenza telefonica “No Problem”, a disposizione 24 ore su 24, 7 giorni su 7
Il dettaglio del nostro programma di viaggio. Giorno per giorno.

Le destinazioni, le visite, le attività, le escursioni, e tutto quello che succede, tappa dopo tappa, partendo da Belgrado e attraversando un territorio incantevole.

autobus
Mappa
M

Nel cuore autentico dei Balcani

Serbia e Bosnia sono da sempre terre di incontro e, nel corso della storia, a volte purtroppo anche di scontro tra diverse culture. Ma a fianco alle doverose testimonianze delle ferite del recente passato si ritrova anche un grande patrimonio storico e artistico, peculiarità locali tutte da scoprire e un forte spirito multiculturale mai sopito.

Serbia e Bosnia sono da sempre terre di incontro e, nel corso della storia, a volte purtroppo anche di scontro tra diverse culture. Ma a fianco alle doverose testimonianze delle ferite del recente passato si ritrova anche un grande patrimonio storico e artistico, peculiarità locali tutte da scoprire e un forte spirito multiculturale mai sopito.

giorno
1
Partenza - Belgrado

Atterriamo a Belgrado e veniamo accompagnati in hotel, dove ci attende l’assistente. In base all’orario di arrivo potremmo disporre di tempo libero per una prima visita autonoma della città, prima dell’incontro con l’accompagnatore e il resto del gruppo nel tardo pomeriggio. La cena è prevista in hotel.

Atterriamo a Belgrado e veniamo accompagnati in hotel, dove ci attende l’assistente. In base all’orario di arrivo potremmo disporre di tempo libero per una prima visita autonoma della città, prima dell’incontro con l’accompagnatore e il resto del gruppo nel tardo pomeriggio. La cena è prevista in hotel.

Mercure Belgrade Excelsior
Hotel previsto (o similare) per i giorni 1, 2, 3|
giorno
2
Belgrado

La giornata è dedicata alla visita guidata di Belgrado, capitale della Serbia. Iniziamo con il Tempio di San Sava, la più grande chiesa greco ortodossa dei Balcani, per poi proseguire con la Chiesa di San Marco, che si trova non lontano dal Parlamento. A poca distanza troviamo poi il Teatro Nazionale e la vicina Piazza Terazije. Dopo il pranzo libero continuiamo la nostra visita con la Fortezza di Kalemegdan, il Patriarcato e la Casa dei Fiori, dove riposa il Maresciallo Tito. Rientriamo in hotel per la cena.

La giornata è dedicata alla visita guidata di Belgrado, capitale della Serbia. Iniziamo con il Tempio di San Sava, la più grande chiesa greco ortodossa dei Balcani, per poi proseguire con la Chiesa di San Marco, che si trova non lontano dal Parlamento. A poca distanza troviamo poi il Teatro Nazionale e la vicina Piazza Terazije. Dopo il pranzo libero continuiamo la nostra visita con la Fortezza di Kalemegdan, il Patriarcato e la Casa dei Fiori, dove riposa il Maresciallo Tito. Rientriamo in hotel per la cena.

Mercure Belgrade Excelsior
Hotel previsto (o similare) per i giorni 1, 2, 3|
giorno
3
Monasteri della Vojvodina - Novi Sad - Belgrado

In mattinata partiamo verso la regione della Vojvodina e raggiungiamo il Parco Nazionale di Fruska Gora, dove visitiamo i celebri monasteri di Krusedol e Novo Hopovo, splendidi esempi di fusione tra bizantino e barocco. Ci dirigiamo poi a Sremski Karlovci, sulle rive del Danubio, zona nota per la produzione di vini. Dopo il pranzo libero proseguiamo per Novi Sad, capitale della Vojvodina e importante centro culturale della Serbia, dove facciamo una passeggiata con l’accompagnatore. Rientriamo a Belgrado per la cena.

In mattinata partiamo verso la regione della Vojvodina e raggiungiamo il Parco Nazionale di Fruska Gora, dove visitiamo i celebri monasteri di Krusedol e Novo Hopovo, splendidi esempi di fusione tra bizantino e barocco. Ci dirigiamo poi a Sremski Karlovci, sulle rive del Danubio, zona nota per la produzione di vini. Dopo il pranzo libero proseguiamo per Novi Sad, capitale della Vojvodina e importante centro culturale della Serbia, dove facciamo una passeggiata con l’accompagnatore. Rientriamo a Belgrado per la cena.

Mercure Belgrade Excelsior
Hotel previsto (o similare) per i giorni 1, 2, 3|
giorno
4
Belgrado - Srebrenica - Sarajevo

Dopo la colazione lasciamo Belgrado e partiamo in direzione di Sarajevo. Lungo la strada facciamo una sosta al Memoriale di Srebrenica, composto da un museo e un cimitero in ricordo delle oltre 8000 vittime del genocidio del 1995. Il pranzo è libero nel corso dell’escursione. All’arrivo a Sarajevo abbiamo del tempo libero prima della cena.

Dopo la colazione lasciamo Belgrado e partiamo in direzione di Sarajevo. Lungo la strada facciamo una sosta al Memoriale di Srebrenica, composto da un museo e un cimitero in ricordo delle oltre 8000 vittime del genocidio del 1995. Il pranzo è libero nel corso dell’escursione. All’arrivo a Sarajevo abbiamo del tempo libero prima della cena.

Hotel Holiday
Hotel previsto (o similare) per i giorni 4, 5, 6|
giorno
5
Sarajevo

Dedichiamo la giornata alla visita guidata di Sarajevo, teatro di importanti eventi storici, come l’attentato all’arciduca austriaco Francesco Ferdinando e l’assedio serbo-bosniaco durante la guerra nella ex-Jugoslavia degli anni ‘90. La città, nota come “Gerusalemme d’Europa”, è un crocevia di religioni e culture diverse, ed ha una moschea, una chiesa cattolica, una chiesa ortodossa e una sinagoga nello stesso quartiere. Visitiamo la grande Moschea, la Chiesa ortodossa dei Santi Arcangeli e il quartiere ebraico. Dopo il pranzo libero visitiamo il “Tunnel della Guerra”, noto come Tunnel della Speranza, l’unica via di fuga e rifornimento della città durante l’assedio. La cena è inclusa.

Dedichiamo la giornata alla visita guidata di Sarajevo, teatro di importanti eventi storici, come l’attentato all’arciduca austriaco Francesco Ferdinando e l’assedio serbo-bosniaco durante la guerra nella ex-Jugoslavia degli anni ‘90. La città, nota come “Gerusalemme d’Europa”, è un crocevia di religioni e culture diverse, ed ha una moschea, una chiesa cattolica, una chiesa ortodossa e una sinagoga nello stesso quartiere. Visitiamo la grande Moschea, la Chiesa ortodossa dei Santi Arcangeli e il quartiere ebraico. Dopo il pranzo libero visitiamo il “Tunnel della Guerra”, noto come Tunnel della Speranza, l’unica via di fuga e rifornimento della città durante l’assedio. La cena è inclusa.

Hotel Holiday
Hotel previsto (o similare) per i giorni 4, 5, 6|
giorno
6
Sarajevo - Mostar

Al mattino partiamo in direzione di Mostar. Lungo la strada ci fermiamo a Konjic per una passeggiata e una pausa per assaggiare il caffè turco. Arriviamo a Mostar, antico crocevia di popoli e civiltà, che visitiamo con la guida. La città divenne tristemente famosa nel 1993 quando i cattolici e i musulmani arroccati sulle due sponde del fiume Neretva si scontrarono. L’antico ponte, simbolo di pace e di convivenza, venne distrutto. Ricostruito dalla comunità internazionale nel 2004, oggi è annoverato tra i beni Unesco come simbolo di pace. Il pranzo è libero e la cena è inclusa a Sarajevo.

Al mattino partiamo in direzione di Mostar. Lungo la strada ci fermiamo a Konjic per una passeggiata e una pausa per assaggiare il caffè turco. Arriviamo a Mostar, antico crocevia di popoli e civiltà, che visitiamo con la guida. La città divenne tristemente famosa nel 1993 quando i cattolici e i musulmani arroccati sulle due sponde del fiume Neretva si scontrarono. L’antico ponte, simbolo di pace e di convivenza, venne distrutto. Ricostruito dalla comunità internazionale nel 2004, oggi è annoverato tra i beni Unesco come simbolo di pace. Il pranzo è libero e la cena è inclusa a Sarajevo.

Hotel Holiday
Hotel previsto (o similare) per i giorni 4, 5, 6|
giorno
7
Sarajevo - Rientro

Il nostro viaggio attraverso la Serbia e la Bosnia è giunto al termine. In base all’orario del volo di ritorno, potremmo avere del tempo a disposizione per shopping o visite in autonomia, prima di venire accompagnati in aeroporto per il rientro. L’assistente è a disposizione per darci le informazioni per il trasferimento all’aeroporto, in tempo utile per la partenza.

Il nostro viaggio attraverso la Serbia e la Bosnia è giunto al termine. In base all’orario del volo di ritorno, potremmo avere del tempo a disposizione per shopping o visite in autonomia, prima di venire accompagnati in aeroporto per il rientro. L’assistente è a disposizione per darci le informazioni per il trasferimento all’aeroporto, in tempo utile per la partenza.

Prossime partenze

Modifica il campo 'Inserisci la tua città di partenza' per visualizzare le date previste per la tua città.

Viaggi simili
8 Giorni da 2.390€ a persona

Le Tappe:

Spalato
,
Trogir
,
Sebenico
,
Zara
,
Dubrovnik
,
Korčula

8 Giorni da 1.390€ a persona

Le Tappe:

Tirana
,
Berat
,
Argirocastro
,
Saranda
,
Butrinto
,
Valona
,
Apollonia

8 Giorni da 1.890€ a persona

Le Tappe:

Sofia
,
Etara
,
Veliko Tarnovo
,
Arbanasi
,
Varna
,
Nessebar
,
Plovdiv
,
Rila

Informazioni sulla destinazione

In Serbia il clima è continentale, con estati calde e inverni rigidi. Il mese più piovoso è giugno. Il periodo migliore per visitare il Paese va da maggio a settembre, considerando che in maggio e giugno ci sono più temporali mentre in luglio e in agosto fa più caldo.

I cittadini italiani possono entrare in Serbia con il passaporto oppure con la carta d'identità valida per l'espatrio. Entrambi devono essere in corso di validità. Se si è in possesso di una carta d’identità valida per l’espatrio rinnovata potrebbero esserci disagi alla frontiera. Si consiglia di informarsi presso il proprio Comune di residenza prima della partenza oppure di portare con sé il passaporto. I minori italiani dovranno essere muniti di documento di viaggio individuale come passaporto individuale oppure carta d'identità valida per l'espatrio. Il visto non è obbligatorio per i soggiorni turistici di massimo 90 giorni. Non appena si arriva in Serbia si ha l’obbligo di registrarsi presso un ufficio di Polizia entro 24 ore. In genere questa formalità è eseguita dalle stesse strutture alberghiere. È possibile che le Autorità controllino la registrazione prima di lasciare la Serbia. Si consiglia di portare con sé una copia dei documenti e di lasciare gli originali in un luogo custodito come l’albergo. Per ulteriori informazioni e per i cittadini di nazionalità diversa da quella italiana consigliamo di consultare il sito Viaggiare sicuri o il proprio consolato.

Non ci sono differenze di orario con l'Italia.

Nessuna vaccinazione è obbligatoria o consigliata. Alcune categorie di cittadini italiani hanno diritto all’assistenza sanitaria gratuita per prestazioni urgenti: per avere maggiori informazioni si consiglia di rivolgersi alla propria Asl. Si consiglia comunque di stipulare un’ assicurazione sanitaria prima di partire e che questa copra anche l’eventuale rimpatrio del paziente. Le strutture sanitarie sono di buon livello ma in alcuni casi possono essere carenti. C’è una buona reperibilità dei farmaci ma si consiglia di portare con sé quelli fondamentali. Si raccomanda di portare con sé un repellente per le zanzare essendosi verificati in passato casi di Virus del Nilo Occidentale.

La valuta è il dinaro serbo. Si può richiedere una somma di dinari alla banche italiane prima della partenza oppure si possono cambiare gli euro nelle banche straniere in Serbia o negli uffici di cambio. Le carte di credito non sono accettate ovunque ma è più probabile che si possano utilizzare a Belgrado. Gli sportelli bancomat si trovano facilmente nella Capitale. Prima della partenza si consiglia di informarsi presso la propria banca per conoscere eventuali commissioni e PIN da utilizzare.

Il clima è mediterraneo sulla costa e continentale (estati calde e inverni freddi) nell’entroterra. Le precipitazioni sono abbondanti. Il periodo migliore per visitare la Bosnia-Erzegovina nella parte interna va da giugno a settembre. Per visitare le coste si possono preferire giugno e luglio.

I cittadini e i minori italiani possono entrare in Bosnia-Erzegovina in possesso del passaporto o della carta d’identità valida per l’espatrio. Entrambi i documenti devono essere validi almeno 3 mesi dalla data di ingresso nel Paese. Si raccomanda di non presentarsi con la carta d’identità rinnovata, sia essa cartacea o elettronica. Il visto di ingresso non è necessario per soggiorni inferiori a 90 giorni nell’arco di massimo 6 mesi. Si consiglia di partire con il biglietto di ritorno già in possesso. Per ulteriori informazioni e per i cittadini di nazionalità diversa da quella italiana consigliamo di consultare il sito Viaggiare sicuri o il proprio consolato.

Non ci sono differenze di orario con l'Italia.

Nessuna vaccinazione è obbligatoria. Le strutture sanitarie sono in miglioramento ma non adeguate alla qualità media europea. Spesso mezzi e personale sono carenti. Per questo si invita a stipulare una polizza sanitaria prima di partire. Si consiglia che di scegliere un’assicurazione che comprenda anche il rimpatrio del paziente. Si raccomanda di prestare molta attenzione alla scorretta conservazione degli alimentari in vendita al supermercato.

La valuta è il marco bosniaco, moneta in parità fissa con l'Euro (€1 = 1.9558 KM). Il cambio si può effettuare nelle banche e nelle agenzie di cambio. Le carte di credito più comuni (Mastercard e Visa) sono accettate dagli alberghi, dai ristoranti e dai negozi nelle città più grandi (la Capitale, Mostar, Banja Luka, Tuzla e Brcko). Al di fuori sono utilizzati i contanti. I bancomat sono diffusi e possono essere utilizzati per prelevare euro con la carta di credito. Prima di partire si consiglia di contattare la propria banca per avere informazioni sui PIN da utilizzare ed eventuali commissioni.